Piatto unico leggero. La Pasta gratinata con cavolfiore e capperi – Senza Glutine FOTO e VIDEO

18 gennaio 2017
  • Porzioni: 2
  • Tempo di preparazione: 15m
  • Tempo di cottura: 25m
  • Pronto in: 40m

Se volete un primo stuzzicante, veloce, facile da fare anche senza glutine, questo è quello che fa per voi. E’ una pasta gratinata con capperi e cavolfiore, gradita anche da chi non ama particolarmente questa verdura che, con i capperi, diventa molto più saporita. La crosticina di formaggio sopra, poi, rende la pasta croccante. Potete scegliere di eliminare il formaggio filante, risalterà molto di più il sapore del cavolo e dei capperi. Da provare!

Se non avete mai cucinato il cavolo e non sapete neanche come pulirlo seguite le istruzioni e le foto, sarà semplicissimo!

La pasta che ho utilizzato per la versione senza glutine sono le caserecce Garofalo che, a mio pare si prestano benissimo. L’unica accortezza è quella di lasciarle al dente anticipando di 3 minuti il tempo di cottura, visto che poi gratineranno in forno.

CONSIGLI PER GLI AVANZI!!

L’altra metà del cavolo potete utilizzarla per una fantastica vellutata, aggiungendo un paio di patate, verrà cremosa e basterà per tutti!

Ingredienti

  • mezzo cavolfiore
  • capperi
  • 4 cucchiai di olio
  • asiago o formaggio filante
  • 160 gr di caserecce
  • 60 gr di parmigiano reggiano
  • 2 cucchiai di passata di pomodoro o un pelato o un cucchiaio di concentrato di pomodoro

 Passo 1

Per prima cosa, bisogna pulire il cavolfiore. Sceglietelo con le cime bianche, senza macchie. Lo taglio a metà e taglio tutte le cimette, separandole dal gambo ad una ad una; taglio ulteriormente quelle più grandi. Le lavo in acqua fredda, le lascio scolare per bene.

 Passo 2

Metto sul fuoco i capperi tagliuzzati finemente con l’olio, se volete dopo aver fatto soffriggere l’aglio, io non l’ho utilizzato perchè ho messo il formaggio. Quando l’olio è ben aromatizzato con i capperi, aggiungo un cucchiaio di pelati, passata o concentrato di pomodoro. Tenete presente che serve solo per dare un po’ di colore alla pasta, quindi non esagerate. Schiaccio il pomodoro e amalgamo bene con i capperi.

 Passo 3

Dopo un paio di minuti, aggiungo le cime del cavolfiore e faccio insaporire, non ho aggiunto sale, visto che i capperi sono parecchio sapidi. Faccio insaporire per qualche minuto, copro con acqua e con coperchio e lascio andare per una ventina di minuti, fino a quando il cavolo sarà cotto.

 Passo 4

Quando mancano una decina di minuti alla cottura completa del cavolo, metto a bollire l’acqua per la pasta che scolerò al dente direttamente nella padella del cavolo. Occhio alla pasta senza glutine! Scolatela parecchio al dente poi continuerà la cottura in forno. Per il sale della pasta, vi consiglio di provare il condimento e regolarvi di conseguenza. Faccio a pezzetti il formaggio (in questo caso asiago) che unirò alla pasta e al cavolo, insieme ad una grattata di parmigiano.

 Passo 5

Salto velocemente la pasta in padella per incorporare bene il condimento, poi la passo in una pirofila, copro di parmigiano e passo in forno per la gratinatura! Buon appetito!

Commenti (9)

  1. postato da Maria Grazia il 1 aprile 2014

    OTTIMA RICETTA, MOLTO GUSTOSA!

  2. postato da domenica il 19 gennaio 2017

    il cavolo non ha le cimette bianche che però ha il cavolfiore.

  3. postato da Barbyzero il 19 maggio 2017

    Infatti non si chiama cavolo questo. Dalle foto si vede bene che è un cavolfiore.
    Direi che è il caso di modificare il nome, per la precisione.
    Il cavolo è un’altra cosa.

    • postato da luca il 19 maggio 2017

      Vero, abbiamo sbagliato. Ora è tutto corretto, grazie!

  4. postato da Luci il 19 maggio 2017

    Non è vero che cliccato una volta è per sempre, ogni volta, si deve fare. O forse io non ho compreso bene. Grazie

    • postato da luca il 20 maggio 2017

      Luci, assolutamente non è nostra volontà.
      Essendo un fattore automatico a volte può non coincidere.

      Funziona così:

      1) si clicca e ci si iscrive o su facebook o youtube;
      2) il programma registra un cookie (biscottino) sul tuo computer;
      3) ogni volta che torni su una nostra pagina il programma legge il cookie (biscottino) e apre tutto l’articolo in automatico.

      Se ci sono problemi fateci sapere, non vogliamo tediare chi ci ha dato fiducia… anzi crediamo che siano la nostra linfa vitale!

      • postato da luca il 20 maggio 2017

        Volevo solo aggiungere che, dati alla mano, solo 1 persona su 100 che ci visitano clicca Mi piace su facebook o si iscrive a youtube.

        Se per una settimana tutti si iscrivessero toglieremmo questo “fastidio” immediatamente!

        Magari potete provare, per voi è nulla (anzi così siete avvertiti ad ogni ricetta) per noi è un grandissimo contributo.

         
  5. postato da Ilde Curatola il 25 maggio 2017

    Ottima ricetta semplice. Veloce gustosissima

    • postato da luca il 26 maggio 2017

      Grazie Ilde, cerchiamo sempre di coniugare velocità, gusto e intolleranze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

disclaimer

Il sito Cucina24ore.it intende fornire una serie di informazioni su prodotti senza glutine e intolleranze in genere. Suggerimenti e informazioni sono elaborati in base ad esperienze personali. NON SI INTENDE SOSTITUIRE, IN NESSUN MODO, FARMACISTA, MEDICO O MEDICO OMEOPATA AI QUALI SPETTA QUALSIASI PRESCRIZIONE TERAPEUTICA. Qualunque informazione fornita su questo sito, quindi, non sostituisce in ogni caso una idonea valutazione del medico curante. Il contenuto del sito è di carattere informativo.