Salmone, basta “sole” ecco come sceglierlo! – Penne integrali al salmone light

19 maggio 2016
Clicca Per IngrandireClicca Per IngrandireClicca Per IngrandireClicca Per IngrandireClicca Per IngrandireClicca Per IngrandireClicca Per IngrandireClicca Per IngrandireClicca Per IngrandireClicca Per IngrandireClicca Per Ingrandire
  • Porzioni: 4
  • Tempo di preparazione: 5m
  • Tempo di cottura: 10m
  • Pronto in: 15m

Il salmone unisce parecchie caratteristiche importanti, non includerlo nella propria dieta è davvero un peccato! E’ un pesce pregiato, ricco di omega 3, vitamine e sali minerali, in più anche acquistato fresco, è semplice da pulire e da cucinare.

La carne del salmone è una carne compatta, dal profumo delicato, estremamente semplice da trattare a tranci, filetti o anche intero.

CONSIGLI PER SCEGLIERE IL SALMONE FRESCO: OCCHIO AL COLORE!

Il segreto del salmone fresco sta nel suo occhio: deve essere sporgente e nero, la carne rosata, ma di un colore naturale, non fosforescente, il che indicherebbe un’alimentazione a base di cantaxantina che contiene un colorante che ingerito in dosi importanti, può dare problemi alla vista. Per limitare questa pratica è intervenuta l’Unione Europea, imponendo un limite di tale sostanza nei mangimi destinati ai salmoni d’allevamento.

Altro campanello d’allarme che potrebbe indicare un salmone congelato è il colore a chiazze: il salmone fresco ha un colore completamente uniforme.

COME RICONOSCERE UN SALMONE AFFUMICATO NATURALMENTE O CHIMICAMENTE

Il salmone che troviamo al supermercato, quello in fettine sottili confezionato al banco frigo, nella sua versione “affumicata” viene tradizionalmente sottoposto ad affumicatura con legni aromatici (rosmarino, lauro, ginepro).  Ma non sempre!

Quando sulla confezione, trovate la dicitura FUMO vuol dire che il salmone non è stato affumicato con un processo naturale con legni aromatici, ma è stato trattato chimicamente per conferirgli il caratteristico sapore affumicato, per risparmiare tempo e denaro, quindi attenzione! Evitate accuratamente questo tipo di prodotto.

Il salmone perfettamente affumicato è quello che non presenta i bordi della carne secchi e la superficie deve essere leggermente opaca e non troppo untuosa.

L’affumicatura verticale produce una carne migliore rispetto a quella orizzontale.

La provenienza, in genere, è la Norvegia e la Scozia.

RICETTA DELLE PENNE INTEGRALI AL SAMONE

Un primo salutare, da preparare in pochi minuti, anche con salmone fresco. Se non l’avete mai fatto o vi spaventa l’idea di maneggiare pesce fresco, vi consiglio di iniziare dal salmone che è facilissimo da pulire.

Io avevo un trancio che ho lasciato interno per il secondo e uno da cui ho ricavato dei dadini per condire la pasta: io ho scelto delle penne integrali. Ho semplicemente eliminato la pelle, tagliato a dadini e cotto per pochissimo tempo in padella. L’assenza di burro e panna, rende questa ricetta anche abbastanza light e ricca di proteine.

Questa ricetta prevede una cottura “tradizionale” della pasta, in alternativa, potete cuocerla in padella insieme al salmone, seguendo i consigli per fare una pasta risottata, più cremosa senza burro e panna.

VARIANTE PER CELIACI 

Per rendere questa ricetta adatta ai celiaci è sufficiente sostituire la pasta, scegliendone una #senzaglutine. Il salmone e gli altri ingredienti sono naturalmente privi di glutine.

VARIANTE PER INTOLLERANTI AL NICHEL

Per gli intolleranti al nichel il salmone è consentito. In questa ricetta vanno eliminate le spezie come il pepe, io evito anche il prezzemolo e la cipolla e scegliere una pasta di riso.

I prodotti della ricetta sono stati offerti da Supermercati Simply.

Ingredienti

  • 320 gr di penne integrali
  • 200 gr di salmone fresco
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 10 ml di vino bianco secco
  • 1 pezzetto cipolla
  • prezzemolo fresco
  • sale
  • pepe

 Passo 1

Per prima cosa preparo il salmone eliminando la pelle. Per questa operazione, basta sollevarla con delicatezza e con un coltello affilato passare vicino al filetto mentre si tende la pelle.

 Passo 2

Taglio poi il salmone prima a fette di circa un centimetro e poi a dadini. Porto ad ebollizione l’acqua salata cuocio le penne.

 Passo 3

Metto a rosolare la cipolla nell’olio in una padella dove poi scolerò la pasta. Quando la cipolla inizia a fare qualche bollicina, aggiungo il salmone e lo rosolo velocemente, aggiungo il vino e lascio evaporare.

 Passo 4

Quando le penne sono cotte, ma al dente, le scolo nella padella del salmone, lasciandole umide. Salto la pasta fino a quando non è ben amalgamata con il salmone. Servo con una spruzzata di pepe e prezzemolo fresco.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

disclaimer

Il sito Cucina24ore.it intende fornire una serie di informazioni su prodotti senza glutine e intolleranze in genere. Suggerimenti e informazioni sono elaborati in base ad esperienze personali. NON SI INTENDE SOSTITUIRE, IN NESSUN MODO, FARMACISTA, MEDICO O MEDICO OMEOPATA AI QUALI SPETTA QUALSIASI PRESCRIZIONE TERAPEUTICA. Qualunque informazione fornita su questo sito, quindi, non sostituisce in ogni caso una idonea valutazione del medico curante. Il contenuto del sito è di carattere informativo.