fbpx
  • Home
  • L’indivia e il cardo: le verdure in brodo del pranzo di Natale in Abruzzo
L’indivia e il cardo: le verdure in brodo del pranzo di Natale in Abruzzo

Condividi sul tuo social network:

Oppure semplicemente copia e incolla questo url

Ingredienti

Ingredienti

L’indivia e il cardo: le verdure in brodo del pranzo di Natale in Abruzzo

Tipologia:
  • Elaborata
  • Senza Glutine
Cucina:
    Condividi

    Preparazione

    In prossimità delle feste natalizie non possiamo non parlare dell’indivia e del cardodue degli ingredienti più consumati nella nostra regione in questo periodo. Il profumo che si sprigiona nelle cucine teramane, la mattina del 25 dicembre, non lascia dubbi: è Natale!
    Le origini dell’indivia sono da ricercarsi nelle regioni mediterranee, anche se la coltivazione è diffusa in tutto il territorio italiano, da non confondersi con la scarola che ne è una sottospecie insieme all’indivia ricciuta.
    Il cardo è un ortaggio simile al sedano come forma e al carciofo come gusto. La parte commestibile è il gambo che viene reso più tenero dalle gelate invernali e deve essere coltivato al buio; se vediamo delle tracce verdi sui gambi del cardo, sicuramentesaranno duri e amari: il cardo migliore è quello che si presenta candido, con i gambi chiusi e senza macchie.

    [gard]

    In prossimità delle feste natalizie non possiamo non parlare dell’indivia e del cardodue degli ingredienti più consumati nella nostra regione in questo periodo. Il profumo che si sprigiona nelle cucine teramane, la mattina del 25 dicembre, non lascia dubbi: è Natale!
    Le origini dell’indivia sono da ricercarsi nelle regioni mediterranee, anche se la coltivazione è diffusa in tutto il territorio italiano, da non confondersi con la scarola che ne è una sottospecie insieme all’indivia ricciuta.
    Il cardo è un ortaggio simile al sedano come forma e al carciofo come gusto. La parte commestibile è il gambo che viene reso più tenero dalle gelate invernali e deve essere coltivato al buio; se vediamo delle tracce verdi sui gambi del cardo, sicuramentesaranno duri e amari: il cardo migliore è quello che si presentacandido, con i gambi chiusi e senza macchie.

    Condividi
    lucadeejay

    lucadeejay

    Padre, Marito, Giornalista. Un viaggiatore #SenzaGlutine e #SenzaPaura.

    precedente
    Gli uccelletti di Sant’Antonio
    successivo
    Torta di Mele (anche senza glutine)
    precedente
    Gli uccelletti di Sant’Antonio
    successivo
    Torta di Mele (anche senza glutine)

    Aggiungi il tuo commento

    Tanti sconti in esclusiva per te, approfittane!