fbpx
  • Home
  • Le virtù teramane
Le virtù teramane

Condividi sul tuo social network:

Oppure semplicemente copia e incolla questo url

Ingredienti

Nessun ingrediente Trovato !

Ingredienti

Nessun ingrediente Trovato !

Le virtù teramane

Tipologia:
  • Elaborata
  • Tradizionale
Condividi

Preparazione

Le virtù sono probabilmente il piatto tipico teramano per eccellenza che affonda le sue radici nella tradizione più antica. Una tradizione che ci parla di frutti della terra, della parsimonia dei contadini che, in questa stagione, avevano bisogno di piatti del “riciclo” per utilizzare verdura, legumi e le erbette più profumate dell’orto.

Elencare gli ingredienti delle virtù è quasi una follia, ma voglio darvi un’idea di quello che sono i sapori e la consistenza perchè, forse non ci rendiamo conto che fuori dai confini della mia Teramo, molti non conoscono l’esistenza di questo piatto. Non lo chiamate minestrone e, se avete la fortuna di assaggiarlo, non scansate nulla per fare onore alle donne che impiegavano giorni a raccogliere gli ingredienti e prepararli con cura.

A casa mia, o meglio a casa della cara Elisa, che è ancora un po’ mia, c’è ancora questa atmosfera, quella della ricerca delle verdure, fino a pochi anni fa curata in prima persona dal capostipite novantenne, l’accurata preparazione della pasta all’uovo di tutte le forme e colori, del pentolone che si riempie via via con un preciso ordine a seconda dei tempi di cottura. E poi, non prima di mezzogiorno, inizia a svuotarsi per via del religioso via vai di parenti e amici che bussano alla porta con la pentola vuota e escono con la pentola piena, generosamente riempita da un’improbabile porzione, misurata con un pentolino gigantesco a testa che in realtà verrà voracemente consumata a pranzo e ce ne sarà altrettanto per la cena di tutti. Ma nessuno si lamenta della quantità, tanto poi se ne riparla tra un anno!

La variante piacevolissima di quest’anno è la presenza dei miei bimbi a cui spero di tramandare non tanto il piatto in sè, quanto la storia che c’è dietro e la voglia di prendersi cura di tutta, ma proprio tutta, la famiglia che si traduce in una buonissima versione senza glutine con pasta ammassata con farina Biaglut!

Nelle virtù ci sono: fagioli di tutti i tipi, ceci, lenticchie, piselli, fave, bietola, indivia, scarola, lattuga, cicoria, spinaci, misericordia, carciofi, zucchine, carote, finocchi, aglio, cipolla, aneto, maggiorana, prezzemolo, menta, salvia, timo (pipirella), sedano, basilico, pepe bianco, noce moscata e chiodi di garofano, prosciutto crudo, osso di maiale, orecchie, cotenne e piedi di maiale, carne di manzo macinata, pasta fresca “Tajulin” e “Patellette”  maltagliati, pappardelle; parte della pasta è preparata con spinaci e concentrato di pomodoro con conseguente colorazione verde e rossa.

[gard]

Condividi
alessia

alessia

Celiaca, moglie di un intollerante seriale e madre di due piccole ottime forchette, per non soccombere alla cucina l'ha addomesticata ed ora la comanda a bacchetta. Inventa nuovi modi di cucinare in modo facile, veloce e senza fatica... e ci riesce quasi sempre!

precedente
La Pizza di Pasqua aquilana con Salamella, Uova, Formaggio e Salciccia
successivo
Riso saporito al forno
precedente
La Pizza di Pasqua aquilana con Salamella, Uova, Formaggio e Salciccia
successivo
Riso saporito al forno

2 Commenti Nascondi i commenti

non definirei ricetta difficile da preparare bensì lunga e laboriosa che comunque da molta soddisfazione il piacere della degustazione , premetto che sono pescarese e sono 3 anni che mi diletto nella loro preparazione e a detta dei miei amici sono brava ed con l’approssimarsi del 1° Maggio mi ricordano la promessa da me fatta per scherzo anni addietro

Aggiungi il tuo commento

Tanti sconti in esclusiva per te, approfittane!

Iscriviti alla nostra Newsletter, è gratis!

e Ricevi 30 giorni di spedizioni, musica, libri e film GRATIS ! con Amazon Prime